Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

La storia dell'emigrazione di Roseto di Pennsylvania in un documento originale

In questo documento messo online da Massimo Tardio trovate la descrizione del primo insediamento di Roseto, Pennsylvania negli USA, fondato dagli emigrati di Roseto Valfortore (FG).
Qui nacque a fine '800, pensate, la prima banda musicale del Presidente degli Stati Uniti d'America grazie ai rosetani emigrati, la "Roseto Conet Band”.

Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Il grande fotografo Paul Strand e il Gargano

Paul Strand è stato un fotografo e videomaker statunitense, che, insieme ad altri grandi fotografi modernisti come Alfred Stieglitz ed Edward Weston, contribuì, all'inizio del XX secolo, a conferire alla fotografia la dignità artistica che a tutt'oggi conserva.
Il suo variegato corpo di lavoro, che copre una sessantina d'anni, tocca i più disparati generi e soggetti attraverso America, Europa e Africa.
Nel 1945 il Museo di Arte Moderna gli dedica la sua prima esposizione individuale come fotografo. Due anni dopo collabora con Nancy Newhall per la pubblicazione del "Time in New England", il suo primo libro come fotografo. Altri libri importanti furono: "La France de profil", "Un paese" con il contributo dello scrittore Cesare Zavattini, "Living Egypt" e "Ghana: An African Portrait".
Nel 1967 Strand vince il premio "David Octavius Hill" e nel 1971 le sue opere più importanti vengono esposte nei migliori musei di America. Inoltre fa un tour per Europa.
(Fonte wikipedia)

Nel 1952 visita, come tanti altri grandi fotografi, il Gargano e ci lascia queste due fotografie, probabilmente scattate a Vieste (una conferma dai viestani sarebbe gradita).

Women working in courtyard, two more up the steps
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Censimento Amianto in Puglia, obbligo di comunicazione!

In data 27 aprile 2016 è stato pubblicato sul Portale Ambientale della Regione Puglia, nella Sezione Ciclo Rifiuti e Bonifica, il "Piano Definitivo di protezione dell'ambiente, decontaminazione, smaltimento e bonifica ai fini della difesa dai pericoli derivanti dall’Amianto in Puglia" approvato con Deliberazione di Giunta Regionale n. 908 del 6 maggio 2015, BURP n. 10 del 2 febbraio 2016.
Al fine di completare il censimento dell'amianto presente sui territorio pugliese, entro 180 giorni dalla data di pubblicazione, i possessori di manufatti in amianto sia in matrice compatta che friabile devono adempiere all'obbligo di comunicazione della presenza di tale materiale.

La comunicazione dovrà avvenire esclusivamente in modalità on-line, collegandosi al Portale Ambientale, Sezione Ciclo Rifiuti e Bonifica, pagina "Piano Amianto", e cliccando il link "scheda autonotifica" dove, previa registrazione, sarà possibile compilare il modello dedicato.
L'obiettivo prioritario del Piano Regionale Amianto — PRA è di dare risposte concrete e definitive al problema dell'amianto in Puglia, ottemperando agli obblighi posti dalla normativa nazionale e completando il quadro complessivo della conoscenza del rischio amianto attraverso la collaborazione della popolazione interessata che va informata e sensibilizzata rispetto al rischio derivante dall'esposizione alle fibre di amianto.

Link utili
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Il giovane chef garganico che gira l'Europa (con il Gargano nel cuore)


di Domenico S. Antonacci

Facebook, sempre lui a farmi fare questi incontri.
Mi imbatto in Davide Ciampi, di Mattinata, leggo qualcosa sulle sue esperienze, alcune all'estero, immagino abbia almeno una trentina di anni...ma ne ha 22.
Parte l'embolo della curiosità e si va, giù di domande a catena (permettetemi lo slang, questo non è un blog serio, proprio come non lo è il sottoscritto).

-Davide, allora dicci qualcosa su di te
Ho 22 anni. Da dove cominciare?
Sin da piccolo a scuola non amavo ascoltare i consigli degli altri e ho quasi sempre fatto di testa mia. Nel bene nel male. Cercando di risolvere a meglio i periodi negativi. Non amo fare le cose per "dovere" e il più delle volte accetto di rinunciare a ciò che vorrei, solo per passione. Mi piace essere sincero e nascondo poco.

-Ho già letto che ti trovi all'estero...
In realtà sono sempre stato molto attaccato alla patria e uscire dall'Italia non mi sarebbe mai piaciuto.
Da cuoco: Lasciare i sapori, gli odori e il gusto dell'Italia è dura! Ero convinto di iniziare a lavorare al nord. Perché al sud si lavora il più delle volte solo per denaro. Tutti promettono tanto. Ma in fondo lo scopo è sempre e solo uno. (no che all'estero sia tanto diverso).
Ma una vacanza a Londra mi ha aperto nuovi orizzonti. I miei amici (lì da tempo) parlavano di: commis, demi chef, chef de partie, junior chef, sous chef, chef e executive. Per non parlare della sala e del bar. Loro dicevano che se a Londra vali ti puoi ritrovare a fare lo chef di partita in pochi mesi. In Italia (sopratutto al sud) si parlava di commis, chef di partita e chef. In qualche albergo più grande sous chef e executive.
Per "godermi" la vacanza, invio anche qualche curriculum. Dopo poche chiamate ricevute, capisco che a Febbraio 2014 dovevo mettermi in gioco nel regno della regina.

Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Sant'Eustachio Martire, Patrono di Ischitella (FG)

di Gianluca Giambattista

La congregazione di Sant'Eustachio Martire, anche quest'anno con il contributo del popolo rinnoverà lo stretto legame che unisce il Santo alla Cittadina garganica, come ogni anno il 20 Maggio.
Il culto del Santo e dei suoi familiari, era già florido intorno al '500, ma si pensa abbia radici molto antiche; secondo una leggenda popolare, gli ischitellani scelsero Sant'Eustachio come suo patrono, allorché il Santo liberò il paese dai Turchi-Saraceni traendoli in inganno, nello scenario della Portella ancora oggi presente...
La devozione verso il Santo, crebbe con l'arrivo in paese della pregiata Reliquia del Santo donata dalla pontificia basilica di Sant'Eustachio di Roma.
Tale devozione si mostra attraverso le innumerevoli persone che portano tuttora il nome del Santo, e nelle varie raffigurazioni del Martire presente nelle chiese e nelle case....
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!