Più continuiamo a conoscere, più continuiamo a sentire queste storie come le nostre storie, più riusciremo a costruire un' Italia diversa. R. Saviano

Memoria Pugliese in Australia. Il racconto di Matteo Guerra

San Marco in Lamis è sicuramente uno dei centri che più ha contribuito all'emigrazione verso l'Australia. Diversi progetti, fortunatamente, negli ultimi anni stanno raccogliendo le memorie di quell'emigrazione.
Così oggi è possibile ascoltare e vedere le testimonianze dirette dei protagonisti di queste storie, come Matteo Guerra, sammarchese di origine che, con il suo accento garganico, racconta in pochi minuti la sua vita e le difficoltà di una scelta coraggiosa come quella affrontata dalla sua famiglia negli anni '30. Buona visione.

Memoria Pugliese in Australia #4. Matteo Guerra. from Memoria Pugliese Australia on Vimeo.

Seguite la pagina facebook del progetto Memoria pugliese in Australia
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

La follia del partire, la follia del restare...storie pazze d'emigrazione

Simone Varisco narra il disagio mentale nell'emigrazione italiana in Australia nel libro "La follia del partire, la follia del restare". Lo studio si concentra sull'emigrazione italiana della seconda metà dell'Ottocento, ai tempi della corsa all'oro.

Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

VOTA SI! ARRESTA LA TRIVELLA O LIBERERAI LO DIMONIO DAL SUBSUOLO!

ARRESTA LA TRIVELLA
O LIBERERAI LO DIMONIO DAL SUBSUOLO!

 
La nudernità di cotesti nefasti tempi sfugge al raziocinio.
Fossili gettati allo foco pe' generare aenergia demoniaca, calore trasformato in vapore, l'aere data parimenti alle fiamme...
Negri liquami vengono estratti dalle viscere della terra et usati pe' donare trazione alli trabicoli. Quando si sa, che i moderni semoventi a quattro rote, son sospinti dallo diabolo, non certo dallo nigro oro.

Si la peste nera non basta più, pe' donar castigo alle genti che violano le leggi della natura la punitionem non pole chesser lo dimonio in persona.
Oltre a non scatenare l'ira divina, i vantaggi che s'avrebbero da un sano abbandono della muderna generazione del calore sarebbero svariati:
- riduzione dell'emissione di gas sulfurei (fatta eccezione pelli ruminanti vari che continuerebbero a petare);
- forte incremento delli mulini (sine Saladini mascherati a produrre lecconie demoniache);
- sfruttamento dello sole pe' scaldare tinozze d'agua (solo d'estate, d'inverno si gelerebbe);
- adoptionem di pale eoliche pe' sciugare i panni lavati.
Coscientemente fate ordunque ciò che vi pare più opportuno pello futuro delli pargoli vostri.

da Feudalesimo e Libertà
Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

Fotogallery da "Il Gargano e la sua ferrovia" di A. Petrucci - 1932

di Domenico Sergio Antonacci

Facebook dà la possibilità di conoscere virtualmente molte persone con le stesse proprie passioni; per me è successo, ad esempio, con Tommaso Palermo, grande "cercatore di storie" di Foggia e provincia.
E' grazie a lui che oggi posso mostrarvi queste foto, tratte da "Il Gargano e la sua ferrovia", una pubblicazione del 1932 di Alfredo Petrucci, scritta con l'intento di esaltare il progresso tecnologico raggiunto dal Gargano grazie alle nuove Ferrovie del Gargano.
In particolare le seguenti foto, delle quali alcune inedite (almeno per me) riguardano la tratta tra Cagnano Varano e Ischitella.

Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!

FOTO: Un'antica opera di ingegneria idraulica in uno dei valloni di Monte Sant'Angelo

Una vera opera di ingegneria idraulica in uno dei valloni di Monte Sant'Angelo.
Foto di Michel Di Bari

Prendete e condividetene tutti, questo è il nostro blog offerto in sacrificio per voi!